«« Indietro - «« Home
Links utili
Municipio di Porto Alegre
Governo Rio Grande del Sud
Porto Alegre Turismo
Guida di Porto Alegre
Immagini di Porto Alegre
Porto Alegre e webcams
Social Forum
Consolato Italiano
 


Il Presidente


Visitatori
Il Consolato Generale d'Italia di Porto Alegre, nella persona del Console uscente, Francesco Barbaro, ha dato incarico alla nostra Associazione Culturale Italia Porto Alegre di allestire la mostra fotografica sul Risorgimento e la Conquista dell'Indipendenza nazionale con fotografie originali dell'epoca.
Per la sua realizzazione ci siamo avvalsi di alcune importanti collaborazioni e della nostra esperienza che, seppur abbastanza breve, aveva già potuto esprimersi nella partecipazione ad altri allestimenti e alla realizzazione della Mostra fotografica per la Settimana della lingua italiana nel Mondo del 2008, sempre quali collaboratori del Consolato d'Italia di Porto Alegre.
Ancora una volta l'ospitalità dell'Usina do Gasômetro, col suo Direttore Caco Coelho, ci ha permesso di realizzarla nell'ampio mezzanino. Ma la collaborazione più importante è stata quella del Direttore del Museo della Fotografia della Provincia di Lodi Silvano Bescapé e dei collezionisti Lanfranco Cavalcanti, Luigi Generani e Ugo Scotti che hanno dato “caleotipi” (negativi) e fotografie originali, documenti, illustrazioni e pezzi rari di quegli anni tanto importanti per il Risorgimento dell'Italia.
La mostra s'è avvalsa anche di pannelli esplicativi e di materiale documentaristico per spiegare meglio, ad un pubblico che poco conosce della storia dell'Italia, tanto meno di quella degli anni del Risorgimento. Con l'aiuto di Adriana Donato, le preziose fotografie e i delicatissimi caleotipi sono stati preparati per l'incorniciatura e successivo montaggio che abbiamo noi stessi effettuato in tempo record. I pannelli, illuminati con delicatezza, le luci tricolore, i tavoli bacheca, gli addobbi e le piante, hanno creato un ambiente molto gradevole per accogliere i partecipanti all'inaugurazione.

L'inaugurazione

Il Vice-console

I partecipanti

La Mostra fotografica vuole rendere omaggio, anche nel Rio Grande do Sul, all'anniversario dell'unità d'Italia.Cento cinquanta anni fa, il 17 marzo del 1861, il primo Parlamento italiano, nella città di Torino, proclamò la nascita dell'Italia unita. L'Italia, che era stata per molti secoli divisa in piccoli Stati, e oggetto di conquista delle maggiori potenze europee, raggiunse infine l'unità politica e territoriale.
L'esposizione intende perciò proporre all'attenzione del pubblico una rievocazione, in chiave fotografica, dei personaggi più eminenti del Risorgimento italiano e raccontare, con pannelli esplicativi e materiale video, i valori e gli ideali che sostennero il processo di unificazione della Penisola italiana. Garibaldi, Cavour, il Re Vittorio Emanuele II, Mazzini, sono stati gli indiscussi protagonisti dell'unificazione italiana. Perseguivano tutti l'idea di un'Italia unita, ma le differenze di visione, cosi come di caratttere e di gusti, erano notevoli e si manifestaroni a più riprese, ciò spiega, ad esempio, l'esilio di Mazzini e i contrasti tra Cavour e Giusepper Garibaldi.
Camillo Benso di Cavour fu la mente politica e diplomatica della unificazione, colui che riuscì ad illustrare davanti alle Potenze europee le ragioni della nuova italia. Egli ispirò l'eroica impresa di Garibaldi, che portò all'annessione del Sud del Paese nella nuova compagine nazionale.
Nella percezione degli abitanti della Penisola, Giuseppe Garibaldi rimase l'indiscutibile protagonista dell'unificazione nazionale, l'uomo che seppe esprimere, colla sua azione avventurosa, una somma impressionante di virtù, il cui fuoco era la lotta per la libertà dei popoli.
Non bisogna dimenticare che l'Italia nacque liberale, e le istituzioni che si diede furono quelle del liberalismo e della democrazia.
L'Italia moderna, pur funestata nella prima metà del secolo scorso dal nazionalismo e dalla dittatura fascista, rimane profondamente segnata dai valori che l'hanno vista nascere, che sono appunto i valori del liberalismo e della democrazia.
Accanto a molte illustrazioni, tratte da stampe del tempo, vengono qui presentate fotografie originali, gentilmente offerte dal Museo della Fotografia della Provincia di Lodi e da privati collezionisti.
Si tratta di istantanee che appartengono all'infanzia della fotografia. Furono scattate nella seconda metà dell'ottocento, da fotografi di professione, il cui nome spesso è andato perduto, i quali furono essi stessi patrioti e combattenti.
L'occhio di quei valorosi fotografi ci restituisce, assieme con la patina del tempo, luoghi, volti e immagini dell'epopea risorgimentale.
Artefici dell'Unità italiana, i protagonisti del Risorgimento si presentano oggi alla nostra sensibilità contemporanea come persone che possedevano in maniera evidene le virtù civili: l'amoredella Patria, il coraggio, il disinteresse e uno stile di vita semplice e senza pretese. Il Risorgimento italiano fu davvero grande nella sua modestia.
(Francesco Barbaro - Console Generale d'Italia)



Un tavolo bacheca


Le bandiere


I Pannelli

Visitatori

Il nostro Presidente, Armando Traversoni, ha dato inizio alla serata spiegando la rarità dei documenti e del mezzo fotografico, che in quei giorni lontani era agli inizi, e che vide i primi fotografi professionisti accompagnare ed immortalare i personaggi e gli eventi. Il Vice Console Stefano Di Vittorio, in sostituzione del nuovo Console Generale Augusto Vaccaro, non ancora giunto a Porto Alegre, con un bellissimo discorso, ha dichiarato aperto l'evento parlando dell'importanza storica e politica del Risorgimento e dell'Unificazione. Erano presenti i Rappresentenati di tutte le Associazioni ed entità italo brasiliane, la Consigliera comunale Sofia Cavedon in rappresentanza del Sindaco di Porto Alegre, José Fortunati, il Console colombiano e rappresentati di partiti politici di discendenza italiana.
Inaugurata il 17 marzo del 2011, fino all'8 maggio la mostra, intitolata "Il Risorgimento italiano e la conquista dell'Indipendenza Nazionae", ha avuto circa sette mila visitatori.

 
«« Indietro | «« Home | Archivio | Chi siamo
Ass. Culturale Italia-Porto Alegre |Reg.439/2008 Provincia di Lodi -n.37 Regione Lombardia| Tutti i diritti riservati